Accedi Registrati

Accedi al tuo acconut

Nickname *
Password *
Ricordami

Crea il tuo profilo

I campi contrassegnati con un asterisco sono obbligatori
Nome *
Nickname *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *
Reload Captcha

Seneca il Vecchio: Oh se gli allievi sapessero giudicare il valore degli insegnanti

Utrum putas hoc dicentium vitium esse an audientium? Non illi peius dicunt, sed hi corruptius iudicant: pueri fere aut iuvenes scholas frequentant; hi non tantum disertissimis viris, quos paulo ante rettuli, Cestium suum praeferunt, sed etiam Ciceroni praeferrent, nisi lapides timerent. Quo tamen uno modo possunt praeferunt: huius enim declamationes ediscunt, illius orationes non legunt, nisi eas quibus Cestius rescripsit. Memini me intrare scholam eius cum recitaturus esset in Milonem; Cestius ex consuetudine sua miratus dicebat: "Si Thraex essem, Fusius essem; si pantomimus essem, Bathyllus essem; si equus, Melissio". Non continui bilem et exclamavi: "Si cloaca esses, maxima esses". Risus omnium ingens; scholastici intueri me, quis essem qui tam crassas cervices haberem. Cestius, Ciceroni responsurus, mihi quod responderet non invenit, sed negavit se executurum nisi exissem de domo. Ego negavi me de balneo publico exiturum nisi lotus essem.



TRADUZIONE



Pensi che la colpa sia degli oratori o degli ascoltatori? Non sono i primi che declamano peggio, ma sono i secondi che giudicano in modo più distorto: frequentano le scuole quasi solo dei ragazzini o dei giovani; costoro preferiscono il loro Cestio non solo agli uomini eloquentissimi di cui ho parlato poc'anzi, ma lo preferirebbero anche a Cicerone, se non temessero di essere lapidati. E tuttavia lo preferiscono nell'unico modo che possono: infatti, di questo imparano a memoria le declamazioni, di quello invece non leggono le orazioni, se non quelle alle quali Cestio ha scritto la replica. Mi ricordo che entrai nella sua scuola mentre stava per recitare una sua "Contro Milone"; Cestio, vantandosi dei suoi pregi come d'abitudine, diceva: "Se io fossi un gladiatore, sarei Fusio; se fossi un pantomimo, sarei Batillo; se fossi un cavallo, sarei Melissione". Non riuscii a trattenere la bile ed esclamai: "Se tu fossi una cloaca, saresti la Cloaca Massima!" Tutti scoppiarono a ridere fragorosamente; gli studenti mi guardavano, chiedendosi chi fossi, io che avevo una simile faccia tosta. Cestio, che stava per rispondere a Cicerone, non trovò qualcosa da rispondere a me, ma disse che non sarebbe andato avanti nel discorso, se io non fossi uscito da casa sua. Io risposi che non sarei uscito da un bagno pubblico se prima non mi fossi lavato.

Commenti   

 
0 #1 mario 2018-06-28 21:43
clamorosa, grazie per averne lasciato traccia in rete!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Immagine relativa alla pagina fan di facebook     Diventa nostro fan
    e seguici su facebook
      


Immagine relativa al canale twitter     Segui il nostro
    canale
Twitter
Privacy Policy