Accedi Registrati

Accedi al tuo acconut

Nickname *
Password *
Ricordami

Crea il tuo profilo

I campi contrassegnati con un asterisco sono obbligatori
Nome *
Nickname *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *
Reload Captcha

La prima battaglia navale dei romani – Versione latino Maiorum Lingua Vol B



La prima battaglia navale dei romani
Versione di latino tradotta dal Libro Maiorum Lingua Vol B pagina 17 numero 89


Primo bello punico senatus Lutatio Catulo consuli imperium belli contra Afros commisit. Consul cum classe trecentarum navium in Siciliam contendit, ubi Carthaginienses contra Romanorum classem iam quadrigentas naves paraverant. Numquam in mari tantis copiis pugnatum est. Lutatius Catulus navem aeger ascendit; vulneratus enim in pugna superiore fuerat. Ante Lilybaeum, promunturium atque civitatem Siciliae, Romani, quamvis navalis proelii imperiti, tanta virtute pugnaverunt, ut Carthaginienses vicerint. Nam LXIII hostium naves captae sunt, CXXV demersae, XXXII milia hostium capta, XIII milia occisa, infinitum pondus auri, argenti, praedae in potestatem Romanorum redactum est. Ex classe Romana XII naves demersae sunt. Statim pacem Carthaginienses a senatu petiverunt et Romanorum captivi, qui a Carthaginiensibus tenebantur, sine pretio redditi sunt.


Traduzione


Durante la prima guerra Punica il Senato assegnò il comando della guerra contro i Punici al Console Lutazio Catulo. Il console con una flotta di trecento navi si diresse verso la Sicilia, dove i Cartaginesi contro la flotta dei Romani avevano già predisposto quattrocento navi. In mare mai si combattè con truppe tanto grandi. Lutazio Catulo salì sulla nave malato, infatti era stato ferito in una precedente battaglia. Davanti a Capo Boeo, promontorio e città della Sicilia, i Romani, benché inesperti delle battaglie navali, combatterono con così tanto valore, che vinsero i Cartaginesi. Infatti furono prese sessantatre navi dei nemici, affondate centoventicinque, furono presi trentaduemila nemici, tredicimila furono uccisi, fu raccolto sotto il potere dei Romani un'illimitata quantità di oro, argento di bottino. Tra la flotta romana furono affondate dodici navi. Subito i Cartaginesi chiesero la pace al Senato e i prigionieri dei Romani, che erano tenuti dai Cartaginesi, furono restituiti senza il pagamento del riscatto.
Immagine relativa alla pagina fan di facebook     Diventa nostro fan
    e seguici su facebook
      


Immagine relativa al canale twitter     Segui il nostro
    canale
Twitter