Accedi Registrati

Accedi al tuo acconut

Nickname *
Password *
Ricordami

Crea il tuo profilo

I campi contrassegnati con un asterisco sono obbligatori
Nome *
Nickname *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *
Reload Captcha

Cicerone attacca Catilina in senato – Versione latino Maiorum Lingua Vol B



Cicerone attacca Catilina in senato Versione di latino tradotta
dal Libro Maiorum Lingua Vol B Pagina 86 Numero 114



Quousque tandem, catilina, abutere patientia nostra? patere tua consilia non sentis? Patefactam esse coniurationem tuam non vides? Patefactam esse coniurationem tuam ; libera rem publicam metu, in exilium abi! Quid est? Ecquid attendis? Dico te priore nocte adiisse M. Laecae domumubi convenerant complures eiusdem sceleris socii. Num negare audes? Quid taces?argumentam afferam, si negas. Video enim esse hic, in ipso senatu, quosdam qui tecum illa nocte fuerunt. O di immortales, ubi sumus? quam rem publica habemus? in qua urbe vivimus? Hic, patres conscripti, hic, in senatorum numero, in hoc sanctissimo gravissimoque consilio, sunt qui de ominium nostrum interitu, qui de huius urbis exitio cogitent. Quam ob re, patres, vigilate; vos autem, Quirites, deos implorate ut hanc urbem, quam pulcherrimam, florentissimam potentissimamque esse voluerunt, a Catilina eiusque sociis defendant.


Traduzione

Fino a quando approfitterai ancora della nostra pazienza, o Catilina? Non capisci che i tuoi inganni sono palesi? Non vedi che la tua cospirazione è palese; libera lo Stato dalla paura, vai in esilio! Cosa c'è? Cosa aspetti? Dico che tu sei andato la notte prima a casa di Laeco: che nello stesso luogo si siano adunati molti alleati dello stesso crimine. Osi negarlo? Perché taci? Se tu neghi, porterò argomenti. Vedo infatti che sono qui, in questo stesso senato, quelli che furono con te quella notte. O dei immortali, dove siamo? Quale Stato abbiamo? In quale città viviamo? Qui, o senatori, qui nel numero dei senatori, in questo santissimo e sgraditissimo consiglio, vi sono quelli che penserebbero all'uccisione di tutti i nostri, quelli che penserebbero alla distruzione di questa città. Per questo motivo, o senatori, state attenti; voi, tuttavia, Quiriti, invocate gli dei affinché proteggano questa citta che avevano voluto che fosse la più bella, fiorente e potente, da Catilina e i suoi soci.
Immagine relativa alla pagina fan di facebook     Diventa nostro fan
    e seguici su facebook
      


Immagine relativa al canale twitter     Segui il nostro
    canale
Twitter